Home Page ospiti della Repubblica Salentina Versione locali del Salento Discover Salento Contatti con Salento Home Page visitatori della Repubblica Salentina In contatto con il Salento Presentazione della Repubblica Salentina Chi siamo noi Il territorio del Salento Le istituzioni del Salento I grandi eventi nel Salento Le iniziative di Repubblica Salentina Offerte, sconti e promozioni Link e collegamenti a siti amici Ricerca con Google Repubblica Salentina su Facebook
Salento, terra di arte, cultura e natura
Castro e Santa Cesarea Terme

Dove alloggiare - Dove mangiare - Dove acquistare prodotti tipici - Dove acquistare artigianato
Castro, Santa Cesarea Terme, Porto Badisco e Porto Miggiano
Castro, Santa Cesarea, OtrantoCastro si trova sulla costa adriatica. La parte alta della città si erge su un’alta roccia. Le sue origini sono molto antiche e i resti delle mura Messapiche sono stati trovati ultimamente. Era una città romana e bizantina, spesso sede episcopale. Si può ammirare una “Cattedrale” romanica (1171) e i resti di una cripta bizantina affrescata.

Castro Marina è il porto che era fatto con la roccia più alta. Il posto è incantevole con una graziosa piazzetta dove durante le sere estive i giovani si fermano fino a tardi. In un certo senso ricorda Capri.

Rolf HickerSanta Cesarea prende il suo nome dalla leggenda di una bambina il cui nome era Cesarea; trovò rifugio nelle caverne per scappare dagli insani desideri di suo padre. Era protetta dal mare; infatti, sebbene avesse promesso al padre di incontrarlo nella sua stanza, in realtà saltò giù dalla finestra del cortile e corse verso Castro. Quando suo padre scoprì il tutto, andò a Castro per portarla via, ma, per la strada, apparve una misteriosa nuvola nera e l’uomo malvagio annegò nelle onde. Solo in quel posto l’acqua iniziò a puzzare. Infatti in questo luogo si può sentire l’odore dello zolfo per ricordare il cattivo odore dell’uomo. Da qui in poi, Santa Cesarea è diventata una sede termale molto nota: dalle “quattro grotte” (Fetida, Gattula, Solfatara e Sulfurea) , le grotte dove Cesarea trovò riparo, fuoriesce, a una temperatura di 30°, acqua contenente zolfo, iodio, litio e sale, utili per curare alcuni disturbi.
Camminando lungo la passeggiata si può vedere Palazzo Sticchi, con la sua architettura moresca e la sua grande cupola arancione. Recentemente molte eleganti residenze sono state costruite dietro il centro storico, a strapiombo sul mare. Quello che vale la pena vedere a Santa Cesarea è la piscina naturale, tra rocce solide e scure: il mare irrompe contro le rocce e riempie la piscina. Poi si può andare nella pineta da cui si gode una splendida vista sul mare, sulle costruzioni e sulle casette sulla costa.

La costa è rocciosa, le principali grotte che si incontrano sono la “Zinzulusa” e la “Romanelli”. L’accesso al mare è reso semplice da alcuni stabilimenti come gli “Archi” e il “Caicco”, che permettono di nuotare in uno splendidi mare azzurro. Se si vuole sognare sulla sabbia dorata bisogna andare a Porto Miggiano.

Porto Miggiano è una località costiera del comune di Santa Cesarea Terme. La località, abitata quasi esclusivamente nel periodo estivo, possiede un piccolo porto turistico e una torre omonima costruita nel XVI secolo a difesa dagli attacchi dei saraceni.

Porto Badisco è una nota località balneare situata nel territorio del comune di Otranto. E' una meta turistica di notevole interesse storico-paesaggistico, dista meno di 8 km da Otranto, 8 km da Santa Cesarea Terme e 15 km da Castro. Secondo un'interpretazione ricorrente fu Badisco il primo approdo di Enea, descritto nell'Eneide di Virgilio: l'eroe vi avrebbe fatto scalo nel suo viaggio in Italia dopo la fuga da Troia (studi recenti hanno evidenziato tuttavia che Virgilio avrebbe più probabilmente immaginato tale sbarco nei pressi di Roca Vecchia, punto d'approdo di una rotta molto frequentata nell'antichità, oppure a Castro Marina, dove sono stati rinvenuti i resti di un tempio dedicato a Minerva).

A Porto Badisco si trova inoltre la famosissima Grotta dei Cervi, che contiene importanti graffiti Neolitici ed è caratterizzata da numerosi anfratti e calette di rara bellezza. In Direzione Santa Cesarea-Castro-Leuca, inoltre, si trova poi la cosiddetta "Grotta delle Striare", cioè grotta delle streghe, caratteristica per l'entrata attraversata in diagonale da una lingua di roccia.


Dormire a Castro e nei dintorni

Hotels

Bed & Breakfast

Masseria & Agritourism

Mangiare a Castro e nei dintorni

Dove acquistare prodotti tipici

Conoscere e acquistare artigianato






Vuoi saperne di più? Vuoi essere informato sulle novità?

Nome
Comune, Provincia
Indirizzo E-Mail
Commento / richiesta
Sei: Visitatore/Ospite
Salentino che vive fuori
Salentino che vive sul territorio

Informativa Privacy
Accetto Non accetto

Salento, terra di arte, cultura e natura

Tour fotografico nel Salento Video tour in Salento Hotel, B&B, Masserie, Agriturismo nel Salento Ristoranti, trattorie, pizzerie nel Salento Artigianato, cartapesta, pietra leccese Eno-gastronomia e prodotti tipici nel Salento


Home Page - Le località - Dove dormire - Dove mangiare - Dove acquistare artigianato - Dove acquistare prodotti tipici - OFFERTE AL VOLO! - Contatti